TRANG: guida completa

Quindi ecco tutti i nostri consigli per includere questa città nel vostro prossimo itinerario in Thailandia!

Se viaggiate in Thailandia in autonomia vi consigliamo di utilizzare l’applicazione 12GoAsia per gestire i vostri spostamenti, un servizio efficiente e affidabile. Vediamo ora nel dettaglio quali sono le opzioni disponibili:

  • Con il treno: treni rapidi ed espressi partono dalla stazione Hua Lamphong di Bangkok tutti i giorni. Il tragitto è di circa 870 km e il viaggio dura 15 ore.
  • Con l’autobus: bus con l’aria condizionata partono tutti i giorni dalla capitale dalla stazione dei bus. Il viaggio dura 12 ore. Ci sono, inoltre, numerosi pullman e minivan che collegano la città con le altre maggiori destinazioni del sud della Thailandia, come Hat Yai, Surat Thani, Koh Lanta, Hat Chao Mai, Pak Meng e Sikao. Noi abbiamo utilizzato questa soluzione partendo da Koh Lanta, affidandoci alla piattaforma 12GoAsia.
  • Con l’aereo: la città di Trang è dotata di aeroporto, collegato tramite voli giornalieri a Bangkok e ai grandi centri thailandesi.

Consigliamo caldamente di avere un proprio mezzo per essere autonomi negli spostamenti e poter esplorare la città e i suoi dintorni in libertà: troverete molte attività di noleggio scooter e con pochi euro al giorno potrete muovervi senza vincoli ed esplorare anche zone meno conosciute. Molte strutture ricettive affiancano ai loro servizi il noleggio degli scooter. Le tariffe mediamente vanno dai 7/8 euro al giorno per modelli come Vario e Honda Click, fino a 10/12 euro al giorno per modelli leggermente più potenti, come NMAX e PCX. Controllate sempre le condizioni del vostro mezzo al momento del noleggio ed evitate di lasciare il vostro passaporto come deposito (non si sa mai!): in alternativa vi verrà richiesto un deposito in contanti che varia dai 3000 ai 5000 baht, circa 130 euro massimo, che vi sarà restituito a fine noleggio.

Potrete contare inoltre sulle app Bolt e Grab, molto comuni e operative in Thailandia; in alternativa troverete pittoreschi tuc tuc, chiamati Frog tuc tuc, utili per percorrere brevi tragitti.

A Trang troverete diverse strutture ricettive adatte a tutte le fasce di prezzo e a tutte le necessità, dagli ostelli agli hotel veri e propri. Noi per la scelta della struttura ci siamo affidati a Booking, dove si ha la possibilità di vedere foto, leggere recensioni da parte degli ospiti, selezionare una zona preferita, utilizzare filtri in base alle proprie necessità.

Abbiamo soggiornato al Nokhook House, e lo consigliamo vivamente! Abbiamo pagato 18 euro a notte in due e ci siamo trovati molto bene: una guest house semplice, pulita, con il servizio di noleggio motorini, colazione inclusa, vicina al centro ma in una zona tranquilla e silenziosa.

Trang è una città ricca di storia e di cultura, con un’importante influenza cinese, figlia delle migrazioni avvenute nel XVIII e XIX secolo. Dapprima famosa per le sue miniere divenne poi un punto di riferimento centrale per il commercio della gomma, le cui piantagioni si estendono tutt’ora nel territorio tra la città e il mare. In città infatti, è possibile vedere quello che è considerato il primo albero della gomma approdato in Thailandia. Non manca, oltre a quella cinese, l’influenza europea, ben visibile nell’architettura degli edifici che caratterizzano l’intera città, a riprova dell’importanza strategica nelle rotte commerciali che ha avuto la cittadina thailandese nell’arco dei secoli.

Se decidete di trascorrere un paio di giorni a Trang non ne rimarrete delusi (noi ne abbiamo trascorsi quattro ma ci saremmo volentieri fermati oltre)..ecco ciò che secondo noi non dovete perdervi.

Il Wat Tantayapirom Phra Aram Luang è un antico tempio buddhista. Il tempio incorpora perfettamente la cultura e l’architettura tradizionale thailandese con le influenze cinesi, un vero spettacolo. L’intera struttura si compone di svariati templi di diverse grandezze, caratterizzati da tetti rossi e decorazioni con foglie d’oro tra cui svetta l’imponente pagoda bianca e dorata.

Il vero valore aggiunto sarà dato dal fatto che molto probabilmente avrete la possibilità di visitare questi posti da soli, respirando appieno l’atmosfera e l’anima del posto. L’ingresso è gratuito.

Esattamente dall’altro lato della strada rispetto al Wat Tantayapirom Phra Aram Luang, troverete il tempio cinese di Trang, il Kew Ong Ear.

Dopo una breve scalinata decorata da due dragoni dorati raggiungerete una piccola pagoda e poi diversi piccoli edifici in fila. Il tempio principale, situato in posizione centrale, è molto suggestivo, decorato in ogni sua parte: l’odore di incenso è persistente, le pareti raccontano storie passate e le candele bruciano sugli altari per i fedeli che raggiungono il tempio in preghiera.

Un’esperienza nuova in terra thailandese, da non perdere.

Ciò che più ci ha colpito Trang è a qualità della vita dei suoi abitanti e uno degli elementi che prova questa nostra tesi è caratterizzata dai parchi cittadini. Sembrerà assurdo ma dopo due mesi in Thailandia e diverse città visitate abbiamo capito che la vita all’aria aperta e l’attività fisica sono molto importanti per il popolo thai: ogni città, infatti, possiede uno o più parchi molto frequentati dalla popolazione locale, attrezzati con giochi per bambini ma anche per consentire l’attività fisica all’aperto per gli adulti. A Trang questa cosa viene presa particolarmente sul serio: dalle 16:30 in poi i parchi vengono letteralmente invasi dagli abitanti di tutte le età che si allenano insieme lungo la pista oppure utilizzando gli attrezzi ben conservati e manutenuti dati in dotazione; non mancano mai le lezioni gratuite di step o altre attività di gruppo. Potrà sembrare banale ma dobbiamo ammettere che questa è la cosa che ci ha maggiormente colpito in città, raccontandoci di una comunità unita e con grande senso civico.

La città di Trang ha due parchi cittadini che vi consigliamo di visitare: il primo, il Sa Kaphang Surin è una piccola oasi verde in centro città, con all’interno un lago naturale grande 80.000 mq. Il secondo è il Phraya Ratsadanu Pradit Mahisorn Phakdi Monument, più piccolo rispetto al primo.

Se decidete di visitare Trang non perdetevi una piccola chicca a circa 20 km dal centro città: il tempio di Phu Khao Thong. Il tragitto per raggiungerlo è davvero bello e lì, oltre al bellissimo tempio nascosto ai piedi della roccia potrete ammirare la statuta del Buddha Sdraiato. non aspettatevi le dimensioni di quello di Bangkok, all’interno del Wat Pho, ma vi assicuriamo che l’atmosfera e la pace di questo posto vi stupiranno.

Come tutte le città thailandesi che si rispettino, anche Trang è famosa per i suoi mercati, sempre ottimi posti per apprendere le tradizioni locali e conoscere ingredienti e cibi nuovi. Il più famoso è il Night Market vicino alla stazione ferroviaria.

Dal Night Market cittadino, a piccoli chioschi disseminati lungo le strade fino a ristornati internazionali, anche a Trang l’offerta gastronomica non delude e accontenta tutti i palati..non vi resta che sperimentare!

Sulla base della nostra esperienza vogliamo consigliarvi alcune soluzioni molto diverse tra loro, per cercare di assecondare le voglie e i gusti di tutti:

  • Ruean Thai Dim Sum: consigliatoci dal nostro host, questo locale è considerato il migliore nel servire il Dim Sum in città. Letteralmente traducibile con l’espressione “Che tocca il cuore”, il Dim Sum è un tradizionale pasto cinese, paragonabile al brunch occidentale, ed è composto da una grande varietà di piccole porzioni di cibo. I Dim Sum vengono di solito serviti in cestelli di bambù ed è pratica comune accompagnarli con del tè cinese. Il Dim Sum non è solo una pietanza, ma un modo di concepire il cibo e la condivisione tra commensali. È un rito sociale, da fare in tanti. E’ stata una bella esperienza, diversa dalle nostre abitudini, che ci ha avvicinato molto alla popolazione e alla cultura locale..non perdetevelo!
  • Mamma Mia: la proprietaria thailandese ha vissuto per circa 20 anni in Toscana e questo è sufficiente a giustificarne l’inserimento nella vostra lista di locali da provare in città. Non vi consigliamo solo il posto, ma anche un piatto nello specifico: i tordelli al ragù. Il miglior piatto di pasta fresca mai mangiato all’estero. Provare per credere.
  • Negi Ramen: se volete variare e avvicinarvi un pò al Giappone questo è il posto giusto. Ramen ottimo, davvero economico e molto gustoso.
  • Night Market vicino alla stazione: lo streetfood thai non delude mai e il mercato notturno è sempre un buon posto per ricordarsi di quanto sia buona ed economica la cucina thailandese.

Bene, questi sono tutti i consigli che vi servono per organizzare il vostro soggiorno a Trang, una classica cittadina thailandese, lontana dalle rotte turistiche. Negli altri articoli dedicati alla Thailandia parleremo delle spese principali da tenere in considerazione, qualche indicazione su come comportarsi in Thailandia e tanti consigli di viaggio riguardanti tutti i posti che abbiamo visitato (per il momento!) nel paese del sorriso. In questo modo speriamo di esservi utili nell’organizzare al meglio le vostre idee e rendere questa vacanza perfetta per voi. Abbiamo viaggiato tanto e continueremo a farlo e il nostro scopo è diffondere informazioni reali e basate sulla nostra esperienza diretta, raccontando pro e contro dei paesi che abbiamo visitato e che ci hanno dato tanto, sia nel bene sia a volte nel male.

Se non l’avete ancora fatto, vi invitiamo a seguire le nostre avventure e i nostri video informativi sul canale YouTube Fai buon viaggio e raggiungerci sui nostri social, dove condividiamo la nostra quotidianità in giro per il mondo. In questo modo potrete vedere coi vostri occhi i posti che visitiamo e il nostro modo di viaggiare, e tutto ciò che a parole vogliamo raccontarvi anche qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *