NUOVA ZELANDA: cosa devi sapere prima di partire

Pochi posti al mondo offrono paesaggi ed esperienze suggestive e mozzafiato come la Nuova Zelanda. Noi abbiamo avuto la fortuna di visitarla in lungo e in largo per più di 40 giorni ed è stata un’esperienza indimenticabile. Questo luogo da sogno è caratterizzato da una paesaggistica varia e un continuo susseguirsi di ambienti diversi: si va dalle montagne ricoperte di antichi ghiacciai alla giungla lussureggiante, dalle spiagge lambite da un mare cristallino alla potenza dei geyser e dei vulcani, fino alle valli alpine e ai laghi. E’ un vero trionfo della natura, alternato a città moderne, eleganti e colorate. Un viaggio nella terra dei kiwi è un’esperienza unica, che trasmette gioia, amore per la terra e pace interiore.

In questa sezione del blog vogliamo darvi tutte le informazioni utili per organizzare il vostro viaggio in questa terra meravigliosa.

Ma prima qualche informazione sul paese: la Nuova Zelanda non è un paese molto popoloso, anzi: si contano circa 5 milioni di abitanti divisi nelle due isole, e in proporzione troverete più pecore che persone! Non è uno scherzo: si dice che per ogni abitante ci siano circa 6 pecore. E’ uno dei luoghi con il più basso tasso di inquinamento al mondo, e vi assicuro che ve ne accorgerete. Tutto questo renderà il paesaggio e i suoi colori di un’intensità che non avete mai provato e che vi emozionerà nella sua semplice e sconcertante bellezza.

E’ il momento di tornare allo scopo dell’articolo e oggi partiamo dalla base: che cosa dobbiamo sapere prima di partire. Oggi cominciamo da qui:

PASSAPORTO

necessario con validità residua di almeno 3 mesi, rispetto alla data prevista per la partenza dalla Nuova Zelanda.

VISTO

Dal il 1 Ottobre 2019 è necessario richiedere una “Electronic Travel Authority” (NZeTA), una sorta di autorizzazione di viaggio. La NZeTA dovra’ essere richiesta prima di partire  (si suggerisce di richiederla almeno 72 ore prima della partenza), avra’ una validità di 2 anni ed costo variabile fra 9 e 12 NZD. A tale cifra si aggiungono 35 NZD a copertura dell’International Visitor Conservation and Tourism Levy. Pagherete quindi in totale tra i 45 e i 50 NZD, circa 25 euro (per approfondimenti, visitare il sito).Vi consigliamo di visitare il sito www.viaggiaresicuri.it per rimanere sempre aggiornati.

GREENPASS E VACCINAZIONI

Pur essendo la Nuova Zelanda uno degli ultimi paesi ad aver riaperto le frontiere post Covid, al momento non è richiesta l’esibizione del greenpass. Inoltre, non è necessaria alcuna vaccinazione. A differenza della vicina Australia, in Nuova Zelanda non troverete serpenti né animali pericolosi per l’uomo.

QUANDO ANDARE IN NUOVA ZELANDA

A questo punto parliamo del clima, fondamentale per organizzare un viaggio. Il periodo migliore per andare in Nuova Zelanda è durante i mesi dell’estate australe, quindi da Novembre-Dicembre a Marzo-Aprile, il periodo meno freddo e più secco. Considerate che il clima in Nuova Zelanda è per lo più mite nell’Isola del Nord e più fresco e ventoso nell’Isola Sud, grazie alla presenza di ghiacciai e montagne. I periodi peggiori per visitarla sono sicuramente i mesi dell’inverno australe, quindi da Giugno ad Agosto. Nel caso in cui decidiate di intraprendere il vostro viaggio in Nuova Zelanda proprio in questo periodo, vi consiglio di visitare solo l’isola Nord, perché nell’Isola del Sud potreste rischiare di avere difficoltà a muovervi nel caso di forti nevicate.

FUSO ORARIO: UTC +12 ore (In estate UTC+13).

QUANTO TEMPO STARE

Questo è un tema importante e alcune considerazioni sono d’obbligo: ovviamente, più giorni avete a disposizione e meglio è, perché la Nuova Zelanda è una destinazione tutta da scoprire, ricca dal punto di vista paesaggistico, faunistico e culturale. L’ideale sarebbe avere a disposizione almeno un mese, anche perchè si tratta di un viaggio lungo e dispendioso, non solo dal punto di vista fisico ma anche economico. Vi auguriamo di poterci tornare più volte, ma difficilmente potrà succedere, per questo motivo sfrutterei il più possibile il tempo a disposizione, trattandosi di un’occasione unica. L’ideale sarebbe distribuire il viaggio tra Isola del Nord e Isola del Sud, destinando alla prima circa 13/14 giorni e il restante tempo alla seconda. Se avete solo 15 giorni a disposizione potreste valutare di visitare una sola delle due isole, oppure prendere parte ad un tour organizzato, per ottimizzare gli spostamenti nel poco tempo a disposizione. Sinceramente ve lo sconsiglio..cercate di ottenere almeno tre settimane per questo viaggio.

PATENTE INTERNAZIONALE E TRASPORTI INTERNI

Prima informazione importante: la guida è a destra. Se decidete di noleggiare un mezzo, sarà difficile che vi richiedano la patente internazionale (di norma basta la patente italiana), ma noi vi consigliamo comunque di farla: ha durata tre anni (quindi la potrete usare anche in altri viaggi) e per una questione di sicurezza è meglio averla con voi. Considerate che è possibile richiederla in qualsiasi motorizzazione o scuola guida, costa circa 100 euro e in media è pronta in tre settimane.

Lato trasporti e spostamenti interni, le condizioni delle strade principali sono buone, ma attenti! Per visitare alcune attrazioni troverete delle strade sterrate e non asfaltate. Solo in pochissime occasioni sarà necessario pagare una tassa stradale (a noi è capitato una sola volta a nord di Auckland): il pagamento si effettua online, non troverete caselli, ed è tutto ben segnalato lungo il percorso stradale. Stiamo parlando, in caso di pedaggio, di cifre davvero esigue (2/3 euro). Per quanto riguarda i trasporti pubblici vi è una buona rete di autobus e una rete ferroviaria modesta. Personalmente consigliamo il noleggio di un auto/camper (ne parliamo qui) per ottimizzare gli spostamenti ed essere autonomi e liberi di personalizzare il vostro viaggio sulla base delle vostre esigenze. Un mezzo molto utilizzato per spostarsi è anche l’aereo, grazie al quale si possono raggiungere le città più grandi: troverete tantissimi aeroporti anche nei posti più remoti, preparatevi! Tra l’isola del Nord e l’isola del Sud esiste un denso traffico di traghetti.

POLIZZA SANITARIA

Vi consigliamo di stipulare prima della partenza una polizza assicurativa che preveda la copertura delle spese mediche e l’eventuale rimpatrio aereo sanitario (o il trasferimento in altro Paese)in caso di necessità.

In generale l’assistenza medica è garantita. Può succedere che negli ospedali sia richiesta una garanzia finanziaria o un acconto delle spese per curare le persone non registrate ad una cassa malati neozelandese. In tal caso, è richiesto il saldo della fattura entro il periodo di ricovero ospedaliero. In generale le spese per i trattamenti d’urgenza causati da incidente sono coperte dall’assicurazione pubblica neozelandese

DOGANA E CONTROLLO ALL’IMMIGRAZIONE

Per evitare l’importazione di agenti patogeni, le condizioni d’importazione e i controlli sono molto severi, in particolare per i prodotti organici (alimentari, piante, legna ecc.). Chi importa tali merci eludendo la dichiarazione doganale è severamente multato. In casi estremi possono venir inflitte pene detentive. Vi raccomandiamo di informarvi in merito presso il consolato generale neozelandese a Ginevra o di consultare il sito internet dell’Amministrazione delle dogane neozelandese.

MONETA E PAGAMENTI

La moneta locale è il dollaro Neozelandese (NZD).

Molto diffusi i bancomat (chiamati ATM), le carte di credito sono accettate ovunque, Visa, Mastercard e American Express sono le più diffuse. Considerate che noi non abbiamo mai prelevato contante in oltre 40 giorni di viaggio: è preferito il pagamento con carta in qualsiasi luogo o attività, anche i più remoti. In generale tutti i processi sono digitalizzati e paperless (parcheggi a pagamento, scontrini elettronici..).

SIM TELEFONICA

E’ preferibile l’acquisto di una sim (fisica o elettronica) per avere sempre una connessione dati attiva. Noi l’abbiamo acquistata in aeroporto ad un costo abbastanza conveniente (40 GB per 60 giorni a 35 euro circa).

I due principali operatori del mercato cellulari in Nuova Zelanda sono Vodafone New Zealand e Telecom Mobile New Zealand. Noi abbiamo optato per la Vodafone e ci siamo trovati bene; tenete conto che a volte il segnale potrebbe essere debole nel caso vi troviate nelle zone più remote del paese, altrimenti non avrete problemi. La maggior parte delle strutture ricettive, inoltre, mette a disposizione una linea wifi.

PRESE ELETTRICHE

Il voltaggio in Nuova Zelanda è a 240 volts 50 Hz, lo stesso che viene usato in Australia. Le prese di corrente e le prese elettriche utilizzate in Nuova Zelanda sono generalmente quelle a 3 lamelle e talvolta a due (C8), quindi per il gli apparecchi italiani è necessario un adattatore. Nella sezione dedicata alla nostra attrezzatura trovate quello che utilizziamo noi durante i nostri viaggi.

Bene! Questi sono i primi consigli utili da sapere per organizzare al meglio un viaggio in Nuova Zelanda. Nei prossimi articoli parleremo delle spese principali da tenere in considerazione e vi consiglieremo gli itinerari migliori per vedere il meglio delle due isole. Abbiamo viaggiato tanto e continueremo a farlo e il nostro scopo è diffondere informazioni reali e basate sulla nostra esperienza diretta, raccontando pro e contro dei paesi che abbiamo visitato e che ci hanno dato tanto, sia nel bene sia a volte nel male.

Se non l’avete ancora fatto, seguite le nostre avventure e i nostri video informativi sul canale YouTube Fai buon viaggio e raggiungerci sui nostri social, dove condividiamo la nostra quotidianità in giro per il mondo. In questo modo potrete vedere coi vostri occhi i posti che visitiamo e il nostro modo di viaggiare, e tutto ciò che a parole vogliamo raccontarvi anche qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *